Storia del Ciclismo Sammarinese

190063_135935946475759_7609608_n

Fin dagli inizi del 1900 operavano in Repubblica non meno di tre società sportive che si occupavano di ciclismo: S.S. Libertas, S.S. Titania e S.S. La Castellana.
Infatti il 2 settembre 1911 veniva organizzata in Repubblica una “Corsa Ciclistica fra Sammarinesi” la prima di cui esiste documentazione, anche se già nel 1909 venne scattata una foto che rappresenta Canducci Lino in una gara svoltasi a Rimini in cui lo stesso Carducci si è classificato terzo con relativo diploma.
Nel 1910 il Giro di Romagna arriva a San Marino e questo è certamente un evento importante nel ciclismo sammarinese.
Bisogna poi andare nel 1925 per trovare altre notizie sul ciclismo: il 15 agosto con il patrocinio dell’Ecc.ma Reggenza della Repubblica di San Marino, la Società “Frangar non Flectar” di Bologna, in collaborazione con la “Unione Sportiva
Sammarinese” organizza la Bologna – San Marino di cui possediamo una ampia documentazione.

La gara deve aver avuto un notevole successo poiché troviamo una abbondante documentazione della stessa corsa anche egli anni 1926 e 1927.  Ma il fatto più rilevante di queste manifestazioni è la comparsa, per la prima volta, della denominazione “Unione Sportiva Sammarinese”. Infatti lo sport sammarinese, almeno agli inizi, è rimasto sempre nell’ambito campanilistico dei Castelli, o, ancor più, nei vari comparti zonali degli stessi.

Non possiamo ancora affermare che sia nata la Federazione Ciclistica
Sammarinese, ma certamente è il primo passo che prelude alla sua nascita. Infatti, a quel tempo il termine “federazione” era ancora sconosciuto ed anche in Italia non si parlava di Federazione, ma di “Unione Velocipedistica Italiana”, U.V.I.

La effettiva data della nascita della Federazione Ciclistica Sammarinese va dunque a collocarsi nel anno 1930.
A confortare questa tesi è la “Convenzione stipulata fra l’U.V.I. e la Federazione Ciclistica Sammarinese” il 23/05/1933 a Bologna (Hotel Astoria) a firma di Sig. Mario Ferruccio (segretario del U.V.I.), Cav. Ferruccio Berti (Presidente del C.R.E), Prof. Marino Belluzzi (Presidente della F.C.S.), Dott. Carlo Casali (Segretario della F.C.S.).

_57